Garibaldi fu ferito

Qui o si fa l’Italia, o si muore

(G. Garibaldi)

Ieri alcuni operai del Comune di Roma hanno rimosso una scritta “storica” su un muro della Garbatella: “Vota Garibaldi Lista N°1”. L’iscrizione, riferita alle prime elezioni repubblicane del 1948, esortava ad esprimere una preferenza per l’allora Fronte Democratico Popolare. Da qualche anno era coperta da una tettoia e celebrata da una targa commemorativa. Un piccolo pezzo di storia insomma, più che un atto vandalico da cancellare.

Sarebbe facile oggi, e molti giornalisti lo hanno fatto, commentare che fra tutto il lerciume di Roma quella scritta era l’ultima cosa che andava pulita. Sarebbe facile anche sparare sull’Amministrazione negligente e cercare nella vicenda metafore più ampie della deriva politica odierna.

Un errore certamente in buona fede. Compiuto dall’Amministrazione, dalla società in appalto, dai singoli addetti ai lavori? Non è importante. Il nodo rimane quello dell’attenzione, di pensare alle azioni che si compiono nel momento in cui si compiono. Bastava alzare la testa e chiedersi come mai c’è una tettoia protettiva. Bastava voltare lo sguardo e leggere la lapide. Bastava chiedersi perché un vandalo dovrebbe inneggiare a Garibaldi nel 2019. Un po’ di concentrazione, niente di più.

garibaldi

Nessun commento

Mal di pancia

Pancia e saggezza crescono sempre insieme
(C. Dickens – Il Circolo Pickwick, 1837)

Premetto che non ho seguito l’avvincente confronto tra i candidati alle primarie del PD, trasmesso in orario improbo, praticamente carbonaro. Non ho avuto neppure la voglia di leggere qualche articolo analitico, che mostrasse le differenze sostanziali tra gli aspiranti leader.

Ovunque si sente parlare di contraddittorio morbido, scontato, diplomatico. Sagra delle ovvietà, fiera del buonismo. In ogni caso, avrei criticato le profonde divisioni, tanto quanto sto criticando la piattezza condivisa. Difetto genetico dei criticoni snob.

Il dato di fatto è che non emergono grandi differenze sulle linee programmatiche, sulle possibili alleanze, sulla direzione da imboccare (più a sinistra, più al centro, verso destra?).

La conseguenza più prevedibile è che il segretario del principale partito d’opposizione verrà scelto a pelle, per simpatia, per sensazione, in perfetta linea con lo stile dei tempi, dove a guidare le opinioni sono le pance, non i cervelli.

La mia pancia vede Giachetti come l’amico atono di Renzi, vede Zingaretti come la nomenklatura burocratica e impastata, vede Martina come il “papassino” senza polso e senza carisma. Ma per fortuna la mia pancia non vota.

Nessun commento

La democrazia di gufetta

I depositari del potere esecutivo non sono i padroni del popolo, bensì i suoi funzionari; esso può nominarli o destituirli quando gli piaccia

(J.J. Rousseau, Il contratto sociale)

Da oggi gli iscritti alla piattaforma Rousseau decreteranno se i senatori M5S dovranno votare l’autorizzazione a procedere per il Ministro degli Interni. Non si tratta di un’elezione, e non è neppure un referendum abrogativo. È un tipo di voto nuovo, un’evoluzione democratica. Tramite una società privata, gufetta99 e arnaldo58, senza aver letto uno stralcio di norma, senza conoscere una riga di diritto costituzionale, senza aver visto una pagina di relazioni da parte di commissioni ed addetti ai lavori, decideranno se il potere legislativo dovrà chiedere al potere giudiziario di giudicare il potere esecutivo. È tutto talmente semplice e lineare da sembrare quasi accettabile.

Carta Costituzionale scambiata per carta igienica. Con l’aggravante di una pretesa democratica, sempre più panacea di ogni male. In verità, in questa scelta di delega c’è la sintesi perfetta del momento: l’ignoranza, l’improvvisazione, la deresponsabilizzazione, la noncuranza del futuro. Gufetta99 dirà cosa devono fare i senatori, anche se non ha neppure l’età per candidarsi al Senato. È davvero una persona fortunata.

1 commento

L’arte di improvvisare

A volte funziona, a volte fallisce, ma è quello che succede quando abbiamo a che fare con l’improvvisazione
(J. Garbarek)

Se non sai fare il caciucco alla livornese, ma inviti pomposamente gli amici a degustarlo e poi butti dei sofficini in una pentola di ketchup, c’è il forte rischio di deluderli. Allo stesso modo, se non distingui un condizionale da un congiuntivo, difficilmente vincerai il Pulitzer.

In alcuni ambiti l’arte di improvvisare, pur rappresentando un nobile esercizio di fantasia e una legittima pratica di adattamento, spesso non paga.

Il Governo italiano sta improvvisando la politica estera. Non gli manca solo la capacità, gli manca anche una vaga idea della direzione da intraprendere, gli manca un barlume di obiettivi da perseguire. E dunque improvvisa. Improvvisa quando non esprime una posizione chiara sulla crisi del Venezuela, non sapendo da che parte stare e raffazzonando dichiarazioni zoppe. Improvvisa attaccando apertamente la Francia, cioè usando il palcoscenico internazionale solo per alzare i toni della polemica interna e adescare qualche voto in vista delle regionali.

Il premier ha detto apertamente che “i Cinque Stelle hanno problemi di visibilità e hanno deciso di fare la guerra alla Francia”, mentre il vice-premier ha cercato invano alleanze con fantomatici sostenitori del golpe militare contro Parigi. Il risultato è ora una crisi diplomatica senza precedenti in Europa, che potrebbe avere ripercussioni economiche sull’export e che certamente avrà ripercussioni sulle relazioni tra i due paesi (appoggio internazionale, alleanze, accordi). Un altro passo verso l’isolamento europeo, tra stagnazione e recessione, un altro passo verso l’emarginazione dalle competizioni che ormai sono sempre più tra continenti e non tra singoli stati.

Il conto finale rischia di essere più salato del previsto. Ma nell’improvvisazione, per definizione, il “previsto” non esiste.

Nessun commento

Bombe

Tra la bomba atomica che li fa morire e la pillola che non li fa nascere, meglio la pillola.

Diverte di più. E fa meno rumore

(M. Marchesi)

Non lo sapevo, ma a trenta chilometri da casa mia sono stivate una ventina di bombe atomiche. È il cosiddetto nuclear sharing: testate atomiche americane ospitate anche in paesi Nato che hanno rinunciato a produrre o acquistare armi nucleari. Dovrebbero avere finalità difensive, in ogni caso possono essere utilizzate da bombardieri italiani appositamente parcheggiati presso la stessa struttura.

Ci sono ovviamente rischi legati alla sicurezza, all’ambiente, alla salute, per un territorio già abbondantemente vessato da discariche, inquinamento e degrado industriale. Esiste anche un grosso interrogativo sui costi di manutenzione, che riguardano l’aggiornamento periodico delle bombe e dei sistemi di protezione e stoccaggio, la manutenzione di quaranta Tornado dedicati, l’addestramento dei piloti appositi, le spese per strutture, equipaggiamenti e protezione del personale statunitense addetto. Le stime totali vanno dai venti ai cento milioni annui.

Come per molte altre grane delicate, anche in questo caso governanti e amministratori sono rimasti volontariamente fuori. Ufficialmente a Ghedi le bombe non esistono ed ogni classe politica, d’ogni grado e colore, se ne è sempre guardata bene dal parlarne. Un po’ per non intaccare i rapporti con gli Stati Uniti, un po’ per non generare allarmi e dissenso tra la popolazione.

Un vero Governo del cambiamento dovrebbe appunto cambiare atteggiamento rispetto a quelli che l’hanno preceduto. Dovrebbe occuparsi anche di questi argomenti spinosi, che non generano consenso ma che riguardano da vicino le risorse e i rischi che impattano sulla popolazione.

Vorrei anche che gli amministratori locali, vicini e lontani, s’informassero e informassero a loro volta i cittadini. Alcuni comuni hanno sottoscritto un trattato Onu per la messa la bando delle armi nucleari. Si tratta di un’adesione dimostrativa, che se però fosse massiccia potrebbe pesare sulle scelte del Governo.

2 Commenti

Un aspro declino

Tutti i declini sono qui con me, per sostenermi

(E. Cioran, Lacrime e santi)

Per la Vigilia di Natale sono andato a trovare mia zia Carla alla casa di riposo. Per un’ora intera ho fissato un’altra anziana donna sulla carrozzina. Era immobile e reggeva tra le braccia amorevoli un bambolotto. Ho immaginato che la sua mente, inferma almeno quanto il suo corpo, fosse tornata indietro ad uno degli eventi più felici della sua lunga vita: la nascita di un figlio, oppure l’arrivo di un nipote… cose del genere. Un cervello simile ad una pellicola fotografica, impressionato solo da un unico e significativo momento gioioso. Un episodio capace di restare indelebile per l’eternità, e in grado di cancellare al contempo ogni altro riferimento spazio temporale della sua intera esistenza. Se non fosse apparsa così drammatica e amara, quell’immagine avrebbe potuto paradossalmente trasmettere serenità e sorriso.

È stato tuttavia inevitabile pormi una domanda la cui risposta, almeno all’apparenza, potrebbe sembrare scontata, o forse no. Può una condizione così stonata ed indigente essere preferibile alla morte? L’oblio della lucidità, l’illusione di un’esistenza felice, possono compensare una sopravvivenza così difficile?

Carrozz

1 commento

Farsa Lucia

La tradizione non si può ereditare; e chi la vuole deve conquistarla con grande fatica

(T.S. Eliot, Tradizione e talento individuale)

12 dicembre: alla Suola dell’Infanzia di Volta fa il suo ingresso Santa Lucia. In carne ed ossa, in barba all’epica tradizione che la vorrebbe enigmatica e sfuggente, misteriosa ed imperscrutabile, invisibile per definizione. Vedo una nonna uscire dalla scuola, tiene la nipotina in una mano ed il sacchetto del cambio nell’altra: “era terrorizzata, si è fatta la pipì addosso”. Ed in effetti, a guardarla bene, la Santa sembra uscire più da film di Carpenter che da un racconto natalizio della memoria cristiana.

Ormai, negli ultimi anni, Santa Lucia scorrazza per le vie del paese col suo carretto, mostrando le sue fattezze ai bimbi d’ogni età ed apparendo più “vera” dell’asino che la guida.

Un tentativo maldestro di scuotere e forzare la tradizione, per la gioia dei grandi, per portare l’intimo allo spettacolo, per esibire e fotografare quello che per sua natura non si può rappresentare, ma solo raccontare.

Anziché consolidare e trasmettere la magica ed affascinante fiaba di Santa Lucia, la si svigorisce spaventando i piccini e togliendo ai meno piccoli l’illusione di sognare.

IMG-20181212-WA0022

Nessun commento

Il pulsante che pulsa

Una volta un tale che doveva fare una ricerca andava in biblioteca, trovava dieci titoli sull’argomento e li leggeva; oggi schiaccia un bottone del suo computer, riceve una bibliografia di diecimila titoli, e rinuncia

(U. Eco)

Quando al liceo tentavamo invano di giustificare una strampalata traduzione di greco, con spavalderia dichiaravamo: “non ho sbagliato io, l’ho trovato sul dizionario”. Come fosse un alibi o un passe-partout per accedere all’assoluzione finale. Arrivava pronta la replica del venerando professor Nosari: “In sal vocabolari at cati tüt, anca cat t’sé n’àsan”.

Più o meno internet è come quel dizionario di greco: un luogo in cui trovi di tutto e di più, dove la difficoltà sta nello scegliere il contesto pertinente  e nell’assemblare le informazioni corrette.

Giorni fa, quando Salvini dichiarava di parlare con Bruxelles a nome di sessanta milioni d’Italiani, ho trovato in rete un meraviglioso pulsante, assolutamente geniale, del tutto inutile. Il bottone attiva un contatore virtuale per sottrarre i dissidenti ai sessanta milioni. Chi non voleva essere rappresentato da Salvini poteva pigiare sul bottone e decurtare di un’unità la fantomatica cifra.

Un esercizio ludico, più divertente di una protesta, più serio di una controproposta.

 

https://www.pulsantone-io-no.it/#seconda_sezione

2 Commenti

Apprendista nell’arte di conversare

Nelle conversazioni parla con gli altri, non solo agli altri

(Kriyananda)

 

Non sono un tipo che parla molto, almeno finché non conosco fino in fondo il mio interlocutore. Non sono neppure uno con l’eloquio scorrevole, perché le parole giuste mi vengono solo se ci penso un po’ sopra.

È per questo che ho sempre invidiato due categorie di persone: quelle con l’attitudine naturale a parlare con tutti di tutto e quelle che sanno sempre trovare alla svelta le parole corrette, le frasi chiare, le nozioni pertinenti da citare.

Un articolo sulla rivista Internazionale dice che “conversare dovrebbe essere una capacità che tutti abbiamo, e ci si dovrebbe addestrare già da ragazzini”. Ma se si approfondisce l’argomento in rete, si scopre presto un mondo fatto di tutorial, decaloghi, trucchi e segreti per una conversazione efficace. Consigli come “ascoltare l’interlocutore”, o “evitare di autocelebrarsi”, che dovrebbero già rientrare nel forziere del buonsenso in dotazione a ciascuno. Paradosso dei paradossi: nell’era della socialità globale, abbiamo difficoltà a conversare e ci serve un ausilio per riuscire a farlo. Osservazione banale, lo so.

Se esiste ancora la consuetudine di fare propositi positivi per l’anno che viene, io metto in lista quello di conversare di più. Più quantità e più qualità.

1 commento

Riforma del piano a induzione

A volte il diavolo mi induce nella tentazione di credere in Dio

(S.J. Lec, Nuovi pensieri spettinati)

Non più “non ci indurre in tentazione…”, ma piuttosto “non abbandonarci in tentazione…

Così anche il Padre Nostro cambierà forma. Dopo decenni di studi e convalide, la Cei ha infatti rivisto la traduzione del Messale Romano. Nella preghiera avremo più garantismo per tutti.

L’agente provocatore, colui che s’infiltra e spinge il malcapitato a commettere un reato, è sostituito da un semplice agente sotto copertura, che eventualmente si limiterà ad osservarci mentre commettiamo il crimine.

Per la prescrizione, invece, occorre attendere ancora.

Nessun commento