Archive for category Politica

Nuovo che avanza

La mattina la gente si sveglia e dice: da oggi cambio vita. Invece non lo fa mai

(Dal film Town)

 

Esercizio di alfabetizzazione funzionale. Cerchiamo alcuni termini sul dizionario e ne verifichiamo l’effettivo significato, misurandone il grado di novità rispetto al passato.

Cambiamento significa mutamento, trasformazione, variazione. Generalmente indica il passaggio da una situazione esistente ad una più evoluta. Di solito cambiare l’auto vuol dire averne a disposizione una più moderna rispetto alla precedente, mentre cambiare lavoro quasi sempre porta a migliorare la propria condizione occupazionale. Al di là delle valutazioni “migliore/peggiore”, è indubbio che secondo il senso comune “Governo del cambiamento” debba indicare una novità nell’amministrazione della cosa pubblica rispetto al passato.

Vediamo dunque i tratti di novità caratterizzanti il “Governo del cambiamento”.

Un primo elemento di originalità è rappresentato dal fatto che i partiti di governo si autoproclamano sovranisti, in aperta lotta con i dettami e i fondamenti dell’Unione Europea. Il Contratto di Governo rifiuta apertamente alcuni di quei precetti. Le dichiarazioni ufficiali e i primi decreti seguono la medesima linea. È in atto un’aperta contestazione alle istituzioni europee che ambisce, più o meno velatamente, ad obiettivi di separazione o fuoriuscita. Dal Trattato di Maastricht del 1992 nessun governo aveva mai messo in discussione l’impegno italiano verso l’Europa. Ma il sovranismo non nasce oggi. Viene coniato in Canada agli inizi degli anni ’60, nel quadro dell’indipendenza del Quebec. È una dottrina politica che sostiene la preservazione o la ri-acquisizione della sovranità nazionale, in contrapposizione alle politiche delle organizzazioni internazionali e sovranazionali.

Il sovranismo va di pari passo con il costante appello al sentimento dello stato nazione, ben sintetizzato nel celebre slogan “prima gli Italiani”. Lo Stato Nazione è una concezione politica partorita nel primo dopoguerra, cento anni fa. Si riassume nell’idea di far coincidere tassativamente l’apparato giuridico e amministrativo di un territorio (lo Stato) con la comunità che condivide lingua, cultura e religione (la Nazione). Già dai termini usati si può cogliere l’obsolescenza di questo concetto. Non c’è neppure bisogno di scomodare le nozioni di multiculturalità e globalizzazione per dimostrarne l’inesorabile vecchiaia.

Un’altra ventata di novità arriva dall’annuncio del Ministro dei Trasporti di nazionalizzare l’Alitalia e le autostrade. La nazionalizzazione è l’intervento con cui lo Stato acquisisce la proprietà o il controllo di determinate industrie private, o l’esercizio di alcune attività di preminente interesse generale. È del 1905 la nazionalizzazione delle ferrovie, del 1912 quella delle assicurazioni sulla vita, del 1962 quella dell’energia elettrica. Dagli anni ‘80 la manifesta inefficienza produttiva delle imprese statali ha determinato in molti Paesi un progressivo ridimensionamento delle stesse.

La strabiliante invenzione della pace fiscale. Prevede la rottamazione delle cartelle con aliquote forfettarie e ridotte, la possibilità di presentare una dichiarazione integrativa, in cui si afferma che all’epoca della dichiarazione originaria non si era comunicato tutto il dovuto, la cancellazione totale ed automatica dei debiti inferiori a mille euro, multe comprese. Quasi quasi viene in mente il condono, cioè l’annullamento di una pena o di un debito. Sono stati circa ottanta dall’Unità d’Italia ad oggi. Se il primo condono fiscale risale all’Imperatore Adriano, va detto che da Rumor a Spadolini, da Craxi ad Andreotti, da Dini a Berlusconi… nessuno è rimasto indenne di fronte alla tentazione di abbuonare le pendenze fiscali dei cittadini meno virtuosi.

Il deficit come sorprendente idea programmatica per crescere. La nota di aggiornamento al Def prevede una massiccia spesa in deficit di bilancio. Fare deficit significa spendere più di quello che si guadagna. Significa programmare le spese o gli investimenti, sulla base di risorse prese a debito. Il deficit è essenzialmente l’eccedenza del passivo sull’attivo e come si può facilmente immaginare non è proprio un escamotage di primo pelo. Sembra strano, ma c’avevano già pensato in tanti.

Sosteneteci comprando i Btp”. Con un appello a carattere nazionale, il Ministro degli Interni invita il popolo a comprare debito pubblico, al fine di sostenere le spese del Governo. Trovo una sottile assonanza con “Oro alla patria”, la manifestazione a carattere nazionale organizzata dal regime fascista nel 1935. Gli italiani furono chiamati a donare i loro gioielli per sostenere le spese belliche.

Con l’impropria dicitura di “Reddito di cittadinanza” ritorna il sussidio di disoccupazione, spendibile solo per acquisti morali. Sarà il Governo a decidere cosa è morale e cosa non lo è. Viene in mente la canzone di Jannacci, dove il barbone dice: “Tu sei uno di quelli che se gli chiedono mille lire, dicono ‘mi raccomando non se le beva’. Cosa te ne frega a te se me le bevo? Oscar della bontà!” L’assistenzialismo è definito come la degenerazione del sistema di assistenza pubblica e sociale, in cui lo Stato interviene con l’erogazione di fondi a cittadini, senza un piano efficace per il loro utilizzo e allo scopo di acquisire consensi. La storia d’Italia, insomma.

cambiamento

1 commento

Ignoro, dunque esisto

“Tutto ciò di cui hai bisogno in questa vita è ignoranza e fiducia, poi il successo è assicurato”
(M. Twain)

Poiché la legionella è la malattia tipica dei legionari dell’Africa, Mariani, consigliere della Lega, chiede più controlli e accertamenti tra gli immigrati africani. Lo zittiscono subito in Consiglio Regionale, perché in realtà la legionella deve il suo nome all’epidemia che colpì un gruppo di veterani dell’American Legion riuniti in un albergo di Philadelphia nel 1976. Il batterio era annidato nell’impianto di condizionamento dove si era tenuta la convention.

Di Maio chiede al Governatore della Puglia cosa stia facendo per l’alluvione di Matera. Nulla, perché Matera si trova in Basilicata. Sempre Di Maio lancia un monito in tv sul rilancio di Taranto: “Qui manca un museo sulla Magna Grecia”. La direttrice del  MarTa lo smentisce immediatamente:  abbiamo uno dei musei archeologici più importanti al mondo.

La controfigura del Premier, Conte, parla dell’8 settembre come fosse il 25 aprile. La gaffe non è esplicita come le precedenti, ma basta aver fatto le elementari per rendersi conto che sta confondendo l’armistizio con la liberazione. Il 1943 con il 1945.

Non possiamo essere tutti tuttologi, è evidente. Non possiamo conoscere tutto, è palese. Però possiamo prepararci un po’ su quello che diremo o sui temi che saremo chiamati a discutere. Non mi sconvolge l’ignoranza di questa classe politica, ma piuttosto la sua approssimazione, la sua superficialità, la leggerezza con cui affronta le questioni. “Chissenefrega”, sembrano dire.

Che scelte può fare una politica che comunica solo con gli slogan, ma che ignora gli argomenti di cui dibatte? Che provvedimenti può prendere chi si rifiuta di studiare e disconosce le realtà che pretende di cambiare?

Nessun commento

Impelagarsi al bar

Le osterie sono un bene universale

(Mons. E. Tonini)

Un’amica mi ha segnalato un articolo di Wittgenstein, che dibatte su come e perché stiamo volgendo all’azzeramento della ragione, sui motivi che spingono gli istinti animaleschi dell’egoismo a prevalere sulle regole della civiltà. Una riflessione sull’attuale deriva politica e sociale di cui siamo vittime più o meno consapevoli. Un articolo dal registro impegnativo e forse un po’ pesante, che parte da premesse lontane e retoriche, ma che tuttavia condivido appieno. Ma aldilà della sostanza globale, che potete leggere integralmente sotto, mi ha incuriosito la circostanza dell’incipit: “abbiamo ordinato da bere delle cose in un bar di Milano, vedendosi tra amici al ritorno delle vacanze, ci siamo impelagati in una riflessione universale sulla piega che stanno prendendo le cose”.

Situazione invidiabile quella di impelagarsi con gli amici al bar, in una riflessione universale sulla piega delle cose. Mi è capitato talvolta di provarci, ma è difficile. Occorre trovare amici che la pensino diversamente, che abbiano un punto di vista alternativo e che siano al contempo interessati, informati e animati da passione. Improbo anche mantenere queste discussioni sempre al di fuori della superficialità e della retorica. La politica più autentica e gustosa dovrebbe sedersi ai tavoli del bar, ma troppo spesso preferiamo parlare d’altro.

Il secolo dello spegnimento dei lumi

1 commento

Prima gli Alitaliani

“Può darsi che non siate responsabili per la situazione in cui vi trovate, ma lo diventerete se non fate nulla per cambiarla.”

(M.L. King)

Ho appreso ieri, non con poco sgomento, della volontà del Governo di nazionalizzare Alitalia. Circostanza che affiancata all’epiteto “Governo del cambiamento” stride alquanto.

Di Maio vuole nelle mani pubbliche la maggioranza della cloaca che nel 2017 aveva 3 miliardi di debito. Il buco nero che ogni giorno perde più di un milione di euro.

La soluzione è solo una: vendere la baracca al miglior prezzo. Ci hanno provato tutti gli ultimi governi, ma nessuno c’è riuscito. Pressioni forti, lobby, interessi vari: gli alibi non mancano a nessuno. Il Movimento Cinque Stelle però è l’unico a manifestare da subito il desiderio di intervenire con altri soldi pubblici. Eppure ci saremmo aspettati ben’altro. Ci hanno sciorinato il carma del cambiamento, hanno sbandierato la distanza da ogni potere forte e da ogni interesse personale, hanno ottenuto pieno mandato e consenso per ribaltare qualsiasi tavolo dell'”ancien regime”. Se non ora, quando? Se non loro, chi altro dovrebbe fare tabula rasa?

Facendo seguito al loro impeto rivoluzionario, avrei preferito se avessero azzerato e scassato tutto. Magari sbagliando, per carità. Invece i paladini dei conti in ordine sponsorizzano la più vecchia delle restaurazioni, quella che prevede che a pagare sia sempre pantalone. E la Lega, da sempre avversaria degli sprechi romani, tace.

Si dirà che evidentemente vendere Alitalia è impossibile. Non si può tagliare, non si può licenziare, non si può stringere troppo il cordone della mangiatoia. Il cambiamento stavolta non si può fare.

IMG_20180720_133144

1 commento

Populisti autocertificati

“Non sono contrario alle tasse, ma solo all’obbligo di pagarle”

(R. Burioni)

Per mesi si sono coagulate attorno al Movimento Cinque Stelle le posizioni più radicali contrarie all’obbligo vaccinale. Le frange no-vax più intransigenti hanno individuato da subito nel Movimento l’unica alternativa ad una pletora di partiti impiccioni e coercitivi. Il Movimento, dal canto suo, ha sempre giocato di sponda, evitando posizioni nette e rimestando nel torbido. Ha cioè lasciato intendere da subito di voler cambiare o stracciare il Decreto Lorenzin, senza mai sbilanciarsi solennemente ed inequivocabilmente. Perché occorreva attingere ad un preciso bacino di voti, senza inimicarsi troppo la maggioranza silenziosa. Il più classico degli esempi calzanti: il piede in due scarpe.

È dunque per questo motivo che attendevo con curiosità una posizione ufficiale da parte del neo ministro Grillo. Invece nulla. I vaccini rimarranno obbligatori, ma basterà presentare un’autocertificazione. Non si ha il coraggio di cancellare il decreto, ma neppure la fermezza di ammetterne la bontà. Salve le capre no-vax e i cavoli amari per chi sperava in una posizione più ferrea e coerente. L’elogio dell’irresponsabilità.

Altro esempio (ne vedremo parecchi) di politica populista senza linea programmatica, che non propone idee, ma insegue sentimenti. Una politica che evita di scegliere con nettezza, preferendo barcamenarsi con lo sguardo ai sondaggi.

1 commento

Politicamente connesso

“Impara ad esprimerti, non ad impressionare” 

(J. Rohn)

Potrebbe davvero sembrare che io abbia un’ossessione per Salvini, oppure che nutra per lui un odio viscerale. Non è così. Il fatto è che il personaggio appare molto intrigante dal punto di vista della comunicazione politica, costituendo un caso senza precedenti nel panorama italiano. Miete consensi in ogni circostanza in cui apre bocca, ogni volta che pubblica un post o che risponde ad una domanda.

Populista professionista, certo. Ma in questo è riuscito a superare anche i Cinque Stelle, mantenendosi fortemente tale anche dopo essere approdato al Governo. È decisamente semplice essere populisti quando si sta all’Opposizione. Dagli scranni della Minoranza, senza responsabilità dirette di governo o di amministrazione, il gioco più facile e proficuo è quello di fare demagogia ad oltranza. Da governanti, chiamati a fare i conti con la realtà, con le promesse e con le scelte concrete, il gioco diventa più duro.

L’esempio riportato sotto è da manuale. Come non essere d’accordo? Come non elogiare ed acclamare una posizione così netta ed inequivocabile? E la chiosa contro i fantomatici oppositori è l’affondo finale di una comunicazione perfetta che centra il bersaglio.

In questa strategia è certamente avvantaggiato dai social, che consentono di esprimersi senza contradditorio, visto che tra le migliaia di commenti eventuali dissensi o contestazioni non avranno mai la medesima visibilità e dignità del post originario. Però Salvini è l’unico che osa così tanto e la tattica sembra premiarlo.

Non entra mai nel dettaglio dei problemi e probabilmente non è in grado di approfondire questioni complicate senza banalizzare attraverso gli slogan. Però questo è il mestiere che ha scelto: comunicare alla massa e raccogliere consenso.

Forse sarebbe ora che qualcuno lo sfidasse in un contradditorio serio ed impegnato  su argomenti complessi (immigrazione, Legge Fornero), andando oltre i facili proclami e mettendo alla prova le sue effettive conoscenze e la sua reale capacità di analisi.

IMG_20180623_161241

2 Commenti

Il Ministro ruspante

“Marine Le Pen oggi era a pranzo con quel terrone di Matteo Salvini”

(Anonimo su Tweeter)

Ieri, dopo aver apprezzato un lungo ed articolato dibattito tra amici su Facebook, ho integrato la discussione con il mio pensiero. La questione verteva sulla frase del Ministro degli Interni relativa al censimento dei rom: “purtroppo quelli italiani ce li dobbiamo tenere“.

Le frasi di Salvini non sono mai casuali e non mi stupiscono. Anche le ultime rientrano a pieno titolo nel dizionario di un personaggio che ha costruito la sua fama sugli slogan e sulle battaglie contro immigrati, zingari e rom. Ora rimane semplicemente nel solco che lo ha premiato, perché sconcertarsi tanto? Chi vi aspettavate? La sua fortuna nasce dal gergo crudo, provocatorio e populista, politicamente scorretto se vogliamo, che affonda le radici nella ruralità di Bossi, ma che ha saputo rinnovarsi ed evolversi. Questa è la sua diversità e paradossalmente è anche la sua forza. Altrimenti non si spiegherebbe perché la Meloni, che professa le stesse idee, non prende più del 4%. Piuttosto va dato atto a Salvini di una grande capacità (in senso machiavellico, intendo) nel sentire e nel parlare alla pancia del paese. È l’unico che da marzo ad oggi ha raddoppiato il suo potenziale di consenso.
La Lega cerca visibilità, accrescimento del consenso ed erosione di elettori da M5S. A Salvini interessa governare fino a che non avrà la certezza di essere al massimo della popolarità. Poi il contratto di governo si romperà con un pretesto e lui andrà all’incasso con nuove elezioni. In quindici giorni è apparso il vero Premier dell’alleanza, pur avendo la metà dei seggi dei CinqueStelle.
Nel merito delle frasi sui rom, registriamo uno dei tanti slogan che riscuotono facili consensi. Non si parla mai di soluzioni strutturali. Un Ministro della Repubblica deve dire dove li manda, come pensa di intervenire, come si pone di fronte alle dinamiche di integrazione, da dove prende i soldi. Ed il cittadino, l’elettore, non può accontentarsi di un vuoto “mandiamo le ruspe”. E poi?
Sull’immigrazione Salvini se la prende giustamente con l’indifferenza dell’Europa, ma dimentica spesso le lacune dei suoi modelli europei. Mi riferisco ad Orban e al gruppo di Visegrad, che rifiutano ogni ripartizione delle quote. Sarà certo colpa della Germania che rimpalla il problema all’Italia, ma ad est non vedo grandi sostenitori di una politica comunitaria condivisa in materia di immigrazione. Perché Salvini non lo dice?
Credo che oggettivamente ci sia un po’ di imbarazzo nel Movimento Cinque Stelle, che forse non immaginava di accasarsi con una destra così radicale (per lo meno a parole, nei fatti vedremo). Tra gli elettori c’è chi spera nella moderazione di pentastellati più equilibrati, chi proveniva da sinistra e ingoia amaramente il rospo, chi era politicamente “apolide” e apprezza l’interventismo del Ministro. L’elettorato di M5S è il più liquido di tutti e solo il tempo ci dirà effettivamente dove andrà.
Ultima chiosa. Rifuggo in questi giorni da due luoghi comuni. Il primo è il “ritorno del fascismo”. C’è il pericolo dell’avvento di una destra radicale, ma non di fascismo. Ci sono atteggiamenti fascisti, ma non tornerà un regime fascista. L’informazione e gli istituti democratici non sono quelli del 1920. Parlare di fascismo significa alzare i toni e spostare gli argomenti. Il secondo è “ma perché il Pd cos’ha fatto?”. In qualsiasi ambito il Pd può aver fatto peggio, ma compito di chi governa è spiegare le proprie scelte e motivare le proprie azioni, non scaricare sul passato. È un passaggio fondamentale quando si passa da Opposizione a Maggioranza.

1 commento

Dostoevskij e L’idiota

“È meglio essere infelici, ma sapere,

piuttosto che vivere felici… in una sciocca incoscienza

(F. Dostoevskij, L’idiota)

Il neonato governo ha spaccato il paese in due acerrime tifoserie, ancor prima di iniziare il suo lavoro. Colpa della superficialità e dell’ignoranza di cui è pregno il popolo bue. Gli slogan dei leader vengono copiati e incollati, ascoltati e ripetuti, in un carma che diventa presto verità assoluta. Gli argomenti di ogni fazione si riducono ed il dibattito presto s‘impoverisce. Da un lato dell’arena ci sono i sostenitori del Governo, solennemente convinti che sia in atto un cambiamento epocale che traghetterà l’Italia dalla seconda alla terza repubblica. Dall’altra parte gli elettori sconfitti, che paventano rosari di derive apocalittiche e baratri senza ritorno.

Come spesso accade, la virtù deve stare nel mezzo. Piedi di piombo di fronte a promesse luccicanti e difficilmente realizzabili, ma nessun processo alle intenzioni. Giudicheremo presto le opere o le omissioni.

Ho visto però il biglietto da visita di questa Maggioranza, ascoltando le prime parole del discorso del Premier al Senato. La mia è una chiosa gratuita e fine se stessa, mossa più per il gusto personale di criticare un professore, che per la volontà di screditare un esecutivo.

Conte cita Dostoevskij. Ne estrapola un passaggio per sostenere l’etichetta del populismo. A suo dire, Dostoevskij sosteneva il populismo come lotta del popolo alle necrosi delle élite. Non sa, il professore intendo, che quel brano rientrava in un più ampio elogio del popolo come fautore di unità e globalizzazione, come celebrazione dell’universale solidarietà del popolo russo. Insomma, Dostoevskij non inneggiava al populismo, ma all’altruismo della nazione.

Questi nuovi politici dovrebbero azzardare meno e riflettere di più, perché l’onestà intellettuale dovrebbe preferirsi alle frasi d’effetto. Se lo sai, lo dici; altrimenti meglio tacere. Ovviamente questa garbata pennata intellettuale era sconosciuta anche a me, ma ho approfondito meglio la questione cercando informazioni aggiuntive. Mi basta, perché non sono un Primo Ministro. Io di Dostoevskij ho letto solo Delitto e castigo e L’idiota, trovandoli piuttosto noiosi per il mio modesto quoziente intellettivo. Non li cito quasi mai.

IMG_20180606_173524

2 Commenti

C’erano un napoletano, un tedesco e un russo

“Parliamoci chiaro.

Ho sempre temuto questa frase,

che non è mai un invito alla trasparenza,

ma l’apertura delle ostilità”

(G. Pontiggia)

Un napoletano che propone un contratto alla tedesca è senza dubbio l’annuncio più divertente di queste consultazioni. Ma non biasimo Di Maio. Il Movimento Cinque Stelle si è sempre proclamato alternativo a chiunque, decantando questa superiorità esclusiva come un mantra assoluto. Diventa dunque impossibile rinunciare a questa specificità e scendere a patti con i partiti del ”sistema”. In un organismo proporzionale, però, per governare occorre giocoforza scendere a compromessi con altri. Ecco dunque il colpo di teatro del contratto alla tedesca. Un’idea che permette di salvaguardare l’unicità del movimento e al contempo di cercare una gruccia per accedere all’esecutivo, senza perdere la faccia prima delle imminenti elezioni amministrative. È chiaro, però, che se avesse davvero letto il “contratto” della Grosse Koalition tedesca, se ne sarebbe guardato bene dal proporlo alla realtà italiana. Ci hanno messo sei mesi di lavoro, diciotto commissioni, quasi duecento pagine di programma, per pianificare gli interventi di governo dei prossimi anni. E sono tedeschi. Noi siamo italiani e amiamo piuttosto brancolare nel torbido.

Con la crisi siriana alle porte, sembra tuttavia finito il tempo degli indugi e ciascuno dovrà decidere davvero cosa fare. Dicano innanzitutto Grillo e Salvini, apertamente autodichiarati filo Putin, se intendono vietare l’utilizzo americano delle basi italiane. Ammesso, e non concesso, che sappiano di cosa si sta parlando.

Nessun commento

Al voto al voto

“Se i partiti non rappresentano più gli elettori, cambiamoli questi benedetti elettori”
(C. Guzzanti)

Per la prima volta nella mia vita, cercherò di esprimere con chiarezza le motivazioni che mi porteranno al voto delle imminenti elezioni politiche.

Non voterò per il Partito Democratico. Per delusione, disinganno, frustrazione. Il Pd di Renzi avrebbe potuto davvero rappresentare il rilancio di un’idea progressista e moderna, la rottamazione di vecchi vizi congiunta al perseguimento di ideali nobili. Invece è stato il contrario. In un solo lustro, è riuscito nell’improvvido compito di annientare il suo partito, trascinandolo nel baratro dell’oblio attraverso un delirio di immotivata onnipotenza. Ha rincorso i fantasmi e i mal di pancia della destra, nel vano tentativo di ampliare contro natura il bacino di consenso. Ha tenuto in vita Berlusconi e il suo partito, regalandogli una seconda verginità. Nessuna destra ha mai osato retrocedere nei diritti dei lavoratori quanto il suo jobs act. Altre colpevoli e pesanti omissioni in materia di diritti civili e di immigrazione completano un quadro disastroso. Alfano Ministro dell’Interno, rapporti personali con le banche, moderni slogan come “aiutiamoli a casa loro” sono solo alcuni degli imbarazzanti biglietti da visita mostrati negli anni. Oggi chi lo vota lo fa “per la ditta” o perché le alternative sono peggiori. Siamo molto lontani dai sogni di gloria e buon governo di cinque anni fa.

Non voterò per Liberi e Uguali. I dissidenti del Partito Democratico hanno perso l’occasione di scegliere l’inequivocabile discontinuità col passato. Anziché prediligere un leader giovane e illuminato, hanno preferito rimestare nel pentolone della nostalgia. Vecchie cariatidi accanto ad obsoleti vessilli, fuori moda, fuori tempo, fuori gioco.

Non voterò Movimento Cinque Stelle. Non tanto per la conclamata e preoccupante mancanza di esperienza, conoscenza, capacità, che già di per sé costituisce un pesante gavitello. Io sarei anche disposto ad attendere dieci anni per una classe dirigente in fieri, onesta, concreta e lungimirante. Baratterei volentieri l’incompetenza totale di oggi con la capacità avveduta ed illuminata di dopodomani. Ma il problema, ahimè, appare ancor più grave. Non si può fare politica senza princìpi, senza etica, senza dottrina. Non si può fare politica senza un’ideologia fondante, una bussola. Con un programma si può amministrare, certo. Con un programma, e senza un’ideologia costituente, si può amministrare bene una città, ma fare politica è ben’altra cosa. Non bastano i populismi ed il buonsenso. Nella vita non è sufficiente saper guidare bene per arrivare lontano. È necessario avere ben chiara la metà, l’itinerario da percorrere, le tappe da raggiungere e gli ostacoli da evitare. Per fare politica occorre avere le idee chiare sui temi che pregnano il mondo. Dall’immigrazione all’Europa, dai diritti civili alle politiche economiche, dagli scenari internazionali ai vaccini… Su tutto questo, ed altro ancora, il Movimento non sa dove girarsi. Non ha una posizione certa e ponderata, non ha una linea univoca ed indiscutibile perché si fonda “contro” qualcosa, non “per” qualcosa. Demagogia, slogan facili e critica aprioristica hanno da sempre le gambe molto corte. E poi purtroppo “uno non vale affatto uno”. L’efficienza non scaturisce dall’eguaglianza indiscriminata, ma piuttosto dal merito e dalla selezione. La democrazia esasperata della rete è utile ad infiocchettare la finzione di una politica che parte dall’ultimo dei cittadini, ma non produrrà mai efficienza. Rivedo nelle urla antisistema dei Cinque Stelle le proteste della vecchia Lega. Bravi e convincenti di fronte ai muri da abbattere. Senza secchi, malta e cemento quando si tratta di costruire davvero.

Non voterò per Forza Italia. Ora che di fianco a Berlusconi la parola “Mafia” ha sostituito pesantemente quella di “conflitto d’interessi”, fatico a spiegarmi cosa possa spingere un elettore a scegliere il redivivo. Per vent’anni ha perseguito unicamente gli interessi personali, negando all’Italia la nascita di una destra moderata, moderna, riformista ed europea che avrebbe contribuito ad una virtuosa alternanza.

Non voterò per la Lega e neppure per Fratelli d’Italia. Il motto “prima gli italiani” è quanto di più superficiale e demagogico possa esistere. La mia formazione, prima dei preti, poi dell’università, mi ha insegnato che essere italiano non è un merito, semmai una fortuna. E ho imparato sui libri che le politiche nazionaliste non sono mai buone.

E dunque? Cosa rimane? Nulla o poco più.
Nella piena consapevolezza di gettare il voto, sceglierò Più Europa di Emma Bonino. Lo farò perché in questo periodo mi stanno a cuore i temi del fine vita e del testamento biologico. Argomenti sui quali solo Emma Bonino si è mostrata da sempre chiara ed inequivocabile. Probabilmente non arriverà in Parlamento, ma almeno la mia coscienza è salva.

1 commento